Generare profitto e fare clienti in piena crisi pandemica è davvero difficile, ma non impossibile. Infatti, oggi voglio proprio mostrarti i risultati ottenuti con un cliente in piena epidemia da CoronaVirus.  Ti mostrerò come ho generato 904 clienti paganti in appena 10 giorni. Tutto questo con soli 3 ingredienti:

  1. Un prodotto
  2. Un pubblico
  3. Una strategia

Vendere in pieno Lockdown è cosa ardua e difficile, se non sai come fare. Sul web è pieno di tutorial, videocorsi e ebook che ti dicono cosa fare o, alcune volte, ti spiegano come fare (dimenticando sempre la parte finale).

Oggi chi ha una azienda o attività deve reinventarsi o passare obbligatoriamente dal web se vuole continuare a generare clienti e fatturare. Tutto questo ha portato molte aziende a rivedere programmi, strategie e azioni da fare.

Il CoronaVirus ha cambiato i piani aziendali di tutti, piccoli o grandi. Ha reso la vita professionale e imprenditoriale un vero casino.

Ti dico tutto questo per farti capire la complessità del momento, non voglio far passare il messaggio che sia facile o che basti solo “vendere online”. Gli ingredienti per avere successo e quindi vendere sono sempre gli stessi, sta a te plasmarli per il momento.

Ed è esattamente quello che abbiamo fatto con Lucia Giovannini, formatrice di fama mondiale che ha saputo negli anni crearsi una credibilità e riconoscibilità unica e vincente. Ma come ho anticipato ad inizio post, il coronavirus ha cambiato i piani di tutti noi, compreso quelli di Lucia.

Come tanti formatori, giustamente, Lucia aveva plasmato il suo business per il 90% su eventi offline o dal vivo (corsi di formazione, seminari, sessioni di coaching, consulenze, mastermind, ecc..).
Tutto questo ai tempi del coronavirus non è possibile, e si è ritrovata con il 90% del suo fatturato completamente fermo, bloccato. Morto. E, la cosa peggiore è che non si sa se e quando questo tipo di mercato ripartirà.

Quindi immaginati lo scenario: da oltre 25 anni vendi corsi residenziali, formazioni, consulenze, il tuo nome è tra i più autorevoli in questo campo e da oggi ti viene detto che quello che fai, che ti da da vivere, quello per cui ti svegli ogni mattina non si può più fare, fino a quando…non si sa.

In una situazione del genere la scelta più logica sarebbe stata dirottare la strategia sull’ online. Ma questo molto spesso nasconde insidie e problematiche. Se non conosci le dinamiche del web ne puoi venire schiacciato e tritato dalla concorrenza. Vendere o acquisire clienti sul web è molto complesso se non hai una base consolidata, conoscenze specifiche e strumenti adeguati per destreggiarti in questo mondo.

Quanti di voi potrebbero vendere online? Immagino tanti, ma il problema è capire come farlo al meglio senza distruggere il vostro business e senza bruciare il vostro brand.
Vendere online è molto più complesso che vendere offline, segue dinamiche diverse e usa strategie marketing diverse. Internet ha regole diverse e anche problemi diversi rispetto alla vendita classica fatta offline.

Non è possibile improvvisarsi esperti in strategie web se non conosci il settore e questo è quello che vedo molto spesso.

Molto spesso mi capita di vedere imprenditori, che credendo di risparmiare, si lanciano e si improvvisano marketing strategies, copywriter, esperi seo che presi dall’entusiasmo del momento e apprendendo un paio di tecniche letteralmente bruciano tutte le fatiche fatte in precedenza, e questo non puoi permetterlo. Non puoi permetterlo perchè è la tua azienda, è parte del tuo cuore, è il gioiello che con tanti sacrifici sei riuscito a costruire e a tenere in piedi.

Per Lucia, come per te, vendere corsi online può essere un grosso problema se fatto male e se fatto nel modo sbagliato.

Ma Lucia è una grandissima imprenditrice e come tale ha saputo capire il momento e ha cercato e scelto un consulente come me per farsi aiutare nell’evoluzione e trasformazione della sua azienda.
Non si diventa Lucia Giovannini per caso, non si diventa un punto di riferimento nella formazione mondiale per caso, tutto segue un filo logico. Lei aveva “fiutato” il problema e lo stava anticipando (è esattamente quello che fanno le persone di successo).

Mi verrebbe da dire: lavorare con Lucia è relativamente facile. Vero, ma il rischio di bruciarti (parlo di me) e di bruciare lei (parlo di un brand conosciuto in tutto il mondo) è altissimo.
Quando lavori con imprenditori del suo calibro devi valutare ogni singolo step, non puoi permetterti molti errori e non c’è spazio per l’improvvisazione. Ogni errore lo paghi a suon di soldi e di figuracce.

Ovviamente essere il responsabile marketing di imprenditori del genere ti mette al centro di un grosso palco con tanti occhi puntati che aspettano il tuo errore. È davvero delicato, devi avere spalle larghe e un team all’altezza.

Il mio ruolo è quello di migliorare le performance dell’azienda e traghettarla verso il nuovo periodo storico: Il Marketing Post Coronavirus.

Un compito non facile, una sfida nella sfida che se affrontata male potrebbe essere un terremoto per la mia “carriera da marketer”. Ma io, come tanti di voi, amo le sfide e in particolare queste.

Così senza esitare ho iniziato a lavorare con lei per trasformare il trasformabile e iniziare a monetizzare senza avere un modello di business pronto per la pandemia.

La difficoltà è stata proprio questa, abbandonare un modello funzionante per crearne uno nuovo e renderlo sostenibile e monetizzabile. In poche parole dovevo dire addio a quello che funzionava e dar vita ad una nuova strategia in un periodo storico terribile.

Qualcuno potrebbe pensare: te la sei cercata, in parte è vero.

Tutto sembrava complicarsi dannatamente, andavano spostati i corsi e gli eventi offline, andavano potenziati i pochi corsi online e andava trovato un modo per monetizzare il più velocemente possibile.

Davvero una brutta situazione, ma nelle difficoltà molto spesso si tira fuori il meglio. Insieme a Lucia abbiamo rivisto tutta la strategia e dato vita ad alcuni nuovi corsi.
Non è stato facile, non avevamo molto tempo, e non potevamo sbagliare il colpo. Dovevamo trovare un angolo d’attacco che ci permettesse di vendere e farlo il più velocemente possibile a più persone possibili.

Abbiamo analizzato il momento, abbiamo studiato le varie problematiche e tirato fuori dal cilindro il coniglio. Un corso superlativo da usare come lead magnet per poter poi rivendere l’eventuale prodotto di back end.

Un corso che doveva essere utile e allo stesso tempo richiesto dal mercato, così Lucia tira fuori dal suo immenso patrimonio di conoscenze e esperienze il corso dei corsi. Una sorta di “kit” per aiutare le persone in questa fase.

7 video fatti in pochi giorni e pronti per la vendita, ora restava da elaborare il lancio e capire che vendite avrebbe portato. Così pianifichiamo una LIVE speciale. Una sorta di lettera di vendita nascosta sapientemente in una normale Live su Facebook che affrontava il problema e dava la soluzione con l’acquisto del corso.

Niente landing page, niente pagine di vendita, il traffico è stato portato direttamente sulla pagina d’acquisto (una follia che invece ha pagato).

Risultato? 504 clienti in appena 72 ore…

Un successo incredibile che ci ha ripagati di ogni sforzo e corsa contro il tempo.

Abbiamo realizzato il lancio di un corso nuovo di zecca in meno di 7 giorni, preparato la parte tecnica e pensato alla strategia di vendita e post vendita. In circa 10 giorni abbiamo totalizzato 904 clienti paganti.

Voglio ribadire il numero: 904 clienti paganti in appena 10 giorni. Sotto mostro screenshot come prova (ovviamente ho oscurato i dati sensibili dei clienti)

 

lancio-corso-904-clienti-online

In circa 10 giorni abbiamo venduto ad oltre 900 persone un corso nuovo di zecca realizzato in un momento di assoluta crisi. Siamo passati da fatturare zero a fatturare migliaia di euro in appena 10 giorni, un grande successo in termini di fatturato e strategia.

Sono davvero fiero e orgoglioso di essere stato parte attiva e integrante di un successo del genere. Ovviamente quando lavori con cavalli di razza tutto diventa facile, ma può anche essere tutto maledettamente complicato.

Un grazie a Lucia e a tutto il team per il grande successo ottenuto.

Questa è la dimostrazione pratica che anche se le persone stanno a casa, si può vendere, si può fatturare ma a patto che ci si metta in discussione e ci si faccia supportare dalle persone giuste con le giuste competenze.

Se pensi di poter fare tutto da solo in questo momento, allora stai commettendo un grosso errore. Fare marketing, vendere e sapere concretamente cosa fare per portare a casa oltre 900 clienti, richiede esperienza, competenza e visione. Elementi che Lucia ha e che l’hanno portata dove è oggi.

Oggi più che mai ti serve supporto, oggi più che mai ti serve sapere esattamente cosa e come fare senza per permetterti di non commettere errori. Purtroppo non è possibile sbagliare in questo momento, ogni singolo errore o perdita di tempo la si paga a caro prezzo.

Se ti senti smarrito, se non sai come uscirne o se cerchi una strada per rimettere in piedi la tua azienda, allora contattami e insieme possiamo pensare a come trovare altri 900 clienti, questa volta per te e il tuo business. È possibile, lo hai appena letto. Hai solo bisogno di qualcuno che come un bravo padre di famiglia ti indichi la strada.

E ti dirò di più, da parte tua serve il minimo sforzo, ti chiedo solo un prodotto che vale e un modello di business funzionante, al resto penso tutto io. Solo con queste due armi e un professionista competente hai la possibilità di andare controcorrente e invertire la rotta. Mentre tutti sono in perdita tu sei in attivo.

No, non è magia, è tecnica, strategia e affinamento, continuo.

È tempo di lasciare la corsia di emergenza per imboccare quella di sorpasso, ti serve solo un bravo navigatore che ti sappia indicare la strada più veloce e con meno ostacoli. Richiedi la mia consulenza strategica telefonica, è completamente gratis in questo momento. Faremo 4 chiacchiere insieme senza impegno per capire entrambi se possiamo collaborare e magari rifare gli stessi numeri di Lucia.

Che la forza del marketing sia con te!

Ti aspetto al prossimo caso studio di successo, Giando 🙂